Category Archives: Nasa

Perché gli USA vogliono tornare sulla Luna

La nuova politica spaziale della Casa Bianca mira a inviare equipaggi umani sul nostro satellite e a mandare astronauti su asteroidi

L’uomo tornerà sulla Luna. Anzi, molto probabilmente, visto il cambiamento socio culturale in corso, il prossimo astronauta a mettere piede sul nostro satellite sarà quasi sicuramente una donna.

No tags for this post.

1000 asteroidi in avvicinamento, NASA lancia una ‘missione impellente’

Ecco il video degli asteroidi in avvicinamento della NASA. Questi sono pericolosi per il nostro pianeta?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dall’inizio di febbraio sono state molte le notizie di stampo astronomico che sono diventati virali in rete. Basti pensare alla Superluna, che ha fatto temere a molti religiosi che l’apertura del Sesto Sigillo e la conseguente fine del mondo si stesse approssimando. Ma nelle ultime ore un’altra notizia riportata dal The Express ed altre testate anglofone analoghe sta ottenendo la viralità in rete. La #NASA (National Aeronautics and Space Administration) ha infatti tracciato 1000 asteroidi potenzialmente pericolosi per la Terra e conseguentemente ha creato un programma per tenere al sicuro il nostro pianeta. La missione si chiama ARM (Asteroid Redirect Mission).

500 giorni nello Spazio (e nessuno dice nulla)

Un disegno della navetta della Nasa.

Un disegno della navetta della Nasa.

Il 20 maggio 2015 l’Aeronautica Militare degli Stati Uniti lanciava per la quarta volta nello Spazio il velivolo senza equipaggio X-37BH .

Era la quarta missione della navetta, segreta, come tutte le altre.

Oggi, 500 giorni dopo, il velivolo continua a orbitare attorno alla Terra: fuori dagli ambienti militari, nessuno sa che cosa stia facendo lassù e per quanto tempo rimarrà ancora in orbita. Le ipotesi e le storie attorno all’X-37BH sono sempre più numerose, alimentate anche dai più disparati complottismi: chi vuole che sia l’ennesimo satellite spia, chi uno strumento per interferire con i segnali di satelliti spia di altre nazioni o per distruggerli, chi ritiene che abbia qualcosa a che fare con la prima stazione spaziale cinese (ora allo sbando).

Tra i tanti, non potevano mancare anche coloro che sostengono che sia una navetta per il controllo di Ufo che arrivano dallo spazio profondo

No tags for this post.

Pianeti ricchi di acqua attorno a Trappist-1: potrebbero ospitare vita

Su questi mondi rocciosi che orbitano attorno alla stella ad appena 40 anni luce da noi, cresce la speranza che esista anche un’atmosfera che, almeno per alcuni, potrebbe significare condizioni adatte all’esistenza di forme di vita. Grazie ai dati raccolti ora sappiamo di più sulla loro massa e composizione

(Credits: spacetelescope.org)

(Credits: spacetelescope.org)

C’E’ tanta acqua sui pianeti attorno alla debole Trappist-1, la stella ad appena 40 anni luce da noi, che ospita un sistema solare composto da almeno sette esopianeti. Qualcuno forse ne ha molta di più di quella che abbiamo sulla Terra. Grazie agli occhi del Very large telescope dell’Eso (lo European southern observatory in Cile) e del telescopio spaziale Hubble e Spitzer della Nasa, ora sappiamo molto di più sulla massa e composizione dell’atmosfera di questi mondi, in fondo non così lontani.

Finalmente disponibili le immagine dell’UFO avvistato durante la missione Gemini IV

UNA FOTO SCATTATA DURANTE LA MISSIONE GEMINI IV CON L’OGGETTO MISTERIOSO

Gli astronauti e gli Ufo. Ne abbiamo parlato nell’ultimo articolo pubblicato sul blog, citando un lungo elenco di incontri ravvicinati con strani oggetti e di fenomeni inspiegabili che hanno avuto come testimoni proprio i protagonisti dell’esplorazione spaziale. Tra loro, anche James McDivitt, comandante della quarta missione Gemini lanciata dalla NASA il 3 giugno 1965- che vide e fotografò qualcosa di anomalo. Solo ora, però, a distanza di oltre 50 anni, quelle immagini sono pubbliche, anche se  destano qualche perplessità.

No tags for this post.

Voyager 1 riaccende i motori dopo 37 anni

Ai confini del Sistema solare (un po’ più in là) la sonda lanciata nel 1977 potrà riallineare l’antenna con la Terra con impulsi dei razzi direzionali della durata di millisecondi. Riattivato un software obsoleto

Se si lascia un’auto 37 anni in garage a 200 gradi sottozero, pretendere che parta al primo colpo sarebbe considerato impossibile. Ma per Voyager 1 (quasi) nulla è impossibile. Martedì scorso, ma si è saputo solo sabato, la Nasa ha inviato un comando per accendere per alcuni millesimi di secondo i razzi direzionali della sonda lanciata 40 anni fa, precisamente il 5 settembre 1977. E Voyager 1, che si trova a 21 miliardi di chilometri dalla Terra, appena oltre quello che è considerato il confine del Sistema solare, ha risposto: ha eseguito il comando senza problemi e inviato l’ok al centro di controllo a Pasadena, in California, ricevuto 19 ore e 35 minuti dopo.

No tags for this post.
Gli Alieni Tra Noi is Spam proof, with hiddy