Category Archives: Archivi FIle

Difesa Online, intervista al giornalista Vincenzo Sinapi

Il giornalista Vincenzo Sinapi ha da poco pubblicato assieme al collega Lao Petrilli un libro che raccoglie e riporta molte delle centinaia di segnalazioni di OVNI (Oggetti Volanti Non Identificati) che l’Aeronautica Militare ha catalogato ed archiviato in dossier poi “declassificati”, ovvero non più segreti o riservati

No tags for this post.

Ufo, la CIA pubblica X-File segreti e sceglie Mulder e Scully per presentarli

La Central Intelligence Agency ha davvero studiato gli UFO e in contemporanea alla nuova serie del telefilm-cult ha pubblicato online alcuni dossier sull’argomento

Per chi vuole credere e per chi cerca spiegazioni razionali. Per chi pensa che gli UFO provengano da altri pianeti o da altre dimensioni e per chi è convinto che invece non ci sia nulla di misterioso dietro ai tanti avvistamenti segnalati. Insomma, per tutti i Fox Mulder e le Dana Scully del mondo, ecco i documenti della CIA da leggere e valutare. Sull’onda mediatica della nuova serie di “ X-files”- trasmessa in contemporanea anche in Italia- l’Agenzia di Intelligence americana  ha deciso di postare alcuni dei suoi dossier incentrati sugli oggetti volanti non identificati.

No tags for this post.

Extraterrestri: i documenti top secret del Majestic 12

Dieci pagine messe online da un ricercatore Usa dimostrerebbero l’esistenza di un super comitato per le indagini sugli alieni

Se fossero autentici, sarebbero  documenti  a dir poco clamorosi. Dieci pagine, con il timbro “Top Secret”, aventi per oggetto il Progetto Aquarius ed attribuite al Majestic 12– noto anche come MJ12- il supercomitato formato da politici, militari e scienziati degli Stati Uniti che per decenni avrebbero indagato sulla questione extraterrestre.

 

Da sempre gli ufologi sostengono che quel gruppo segretissimo (la cui esistenza non ha mai trovato conferme),  voluto dal presidente Harry Truman , agì per nascondere all’opinione pubblica mondiale le prove della presenza di creature aliene sulla Terra. Nello specifico, il Progetto Aquarius mirava a raccogliere tutte le informazioni scientifiche sugli Ufo e sui loro occupanti, da sfruttare per lo sviluppo della tecnologia spaziale americana.
Il primo a ricevere queste carte sarebbe stato negli anni ’90 Lee Graham, tramite l’ufologo Bill Moore. In seguito, quegli atti- ritenuti la trascrizione di un briefing  tenutosi nel 1977 alla Casa Bianca per l’allora Presidente  Jimmy Carter- sono stati ripresi e citati da decine di articoli e libri sull’argomento Ufo e compaiono anche sul web.

No tags for this post.

Declassificazioni Top Secret: NSA divulga intercettazione di messaggi Alieni

L’ NSA (National Security Agency) ha finalmente rilasciato un file che chiarisce se gli alieni esistono o meno. Ebbene si, esistono e non è da prendere come uno scherzo, non si chiarisce se le forme di vita siano i temuti grigi o meno. Ben 31 messaggi extraterrestri declassificati come Top Secret, provenienti dallo spazio sono stati intercettati dagli enti NSA e resi noti al pubblico che aspettava da tempo questa notizia.

La National Security Agency (NSA) ha declassificato le relazioni Top Secret che descrivono i tentativi di decifrare ciò che l’NSA stessa descrive come un “messaggio radio” ricevuto dallo spazio.

Il documento su “Comunicazioni extraterrestri” del Dr. Howard H. Campaigne, descrive gli sforzi NSA di decodificare matematicamente ed interpretare  il messaggio

Campaigne afferma:“Recentemente sono stati intercettati una serie di messaggi radio  proveniente dallo spazio. La trasmissione non è continua ma è stata tagliata da pause, in pezzi che potrebbero essere interpretate come unità, perché sono state ripetute più e più volte. “

No tags for this post.

Dagli archivi FBi spuntano gli Ufo “Tre precipitarono negli Usa nel 1950”

Dagli archivi FBi spuntano gli Ufo "Tre precipitarono negli Usa nel 1950"

Riproponiamo un interessantissimo articolo scritto qualche anno fa, dal giornalista scientifico italiano Luigi Bignami pubblicato da repubblica.it

Buona lettura.


Tra i documenti non più segreti pubblicati su un sito del Bureau, il racconto dell’agente Guy Hottel: negli oggetti volanti non identificati c’erano nove corpi dalle fattezze umanoidi, vestiti “come i piloti dei jet”

di LUIGI BIGNAMI

Questa volta il documento sugli Ufo viene niente meno che dall’FBI. Secondo l’agente Guy Hottel, il 22 marzo del 1950 tre oggetti volanti non identificati precipitarono nel New Mexico e furono “catturati” dal servizio investigativo americano. All’interno dei velivoli c’erano nove corpi dalle fattezze umanoidi alti circa 90-100 centimetri. Gli oggetti non identificati avevano un diametro di circa 16 m ed erano leggermente rialzati al centro. Insomma Ufo nel senso più classico del termine. “Gli occupanti erano vestiti come i piloti dei jet”, racconta Hottel nel suo documento. E’ possibile, conclude l’agente dell’FBI, che gli oggetti volanti siano precipitati causa delle interferenze dei numerosi radar presenti nell’area.

Questa testimonianza è in una serie di altri atti resi pubblici dall’FBI negli ultimi giorni in un suo sito Internet dove vengono divulgati documenti non più segreti richiesti dai cittadini statunitensi. Il sito Vault presenta testi che riguardano vari aspetti delle investigazioni dell’FBI, dai diritti civili ai ganster, dalle testimonianze di ricerche su organizzazioni criminali fino a quelli che vengono definiti “fenomeni inspiegati”. I documenti vengono lasciati sul sito fin quando vi è una certa richiesta da parte del pubblico, dopo di che vengono cancellati.

Attualmente tra i documenti c’è, tra gli altri, il caso Hottel. Interessante però è anche il documento che riguarda il caso ufologico noto come “incidente di Roswell”. Si verificò nel luglio del 1947, quando qualcosa di strano per quell’epoca precipitò in prossimità della cittadina di Roswell, nel New Messico. I racconti passati di mano in mano segnalano che dapprima un comunicato stampa pubblicato dalla base aerea che si trovava in prossimità di quella località parlava proprio di un “disco volante”, ma poi le dichiarazioni ufficiali statunitensi spiegarono che si trattava di un semplice pallone sonda e a tal proposito vennero mostrate alcune immagini.

Il caso però ha continuato ad alimentare sospetti e ancora oggi viene avanzata l’ipotesi che a cadere nel deserto non fu un pallone sonda, ma qualcosa di sconosciuto. Ebbene il sito dell’FBI il caso sembra offrire una soluzione: si parla di un oggetto che aveva la forma di un disco esagonale che doveva essere sospeso per mezzo di un cavo a un pallone, il quale aveva un diametro di circa sei metri e mezzo, e si dice anche tuttavia, che secondo comunicazioni telefoniche tra due basi aeree l’ipotesi del pallone sonda fosse poco credibile. In ogni caso il pallone e il disco vennero portati alla base aerea e lì trattenuti senza ulteriori analisi.

No tags for this post.

L’Aeronautica toglie il segreto sugli avvistamenti Ufo in Campania: eccoli svelati

CASERTA – Per anni sono stati chiusi a chiave in un grande armadio blindato del Reparto Generale Sicurezza dell’Aeronautica Militare, a Roma.

Migliaia di pagine protette da varie classifiche di segretezza. Le prime segnalazioni catalogate sono datate 1972 anche se Forze Armate e servizi segreti si occupano di oggetti volanti non identificati almeno dal 1950. Ora i documenti relativi agli avvistamenti di Ufo in Italia sono stati desecretati e resi pubblici dall’Aeronautica Militare e i giornalisti Lao Petrilli e Vincenzo Sinapi li hanno raccolti nel libro «Ufo – I dossier italiani» edito da Mursia. Storie misteriose e affascinanti che catalizzano la curiosità e l’attenzione della gente.

Tra le centinaia di casi che sono stati analizzati e catalogati negli anni dall’Aeronautica Militare anche tre avvistamenti avvenuti in provincia di Caserta. Era il 1° febbraio del 1984 quando alcuni testimoni avvistarono, nel cielo di Baia Domizia, alle 10.25, un oggetto non identificato che sembrava una pera arancione e marrone.

Filmati dal mondo

Dopo 21 anni, l’8 febbraio del 2005, qualcosa di anomalo venne avvistato nei cieli di Grazzanise, sede di uno dei più importanti aeroporti militari italiani. Quel giorno un controllore di volo osservò sui suoi monitor un oggetto sconosciuto che sorvolava la base.

Decise di avvisare il pilota di un velivolo con cui era in comunicazione. Raccontò alle altre persone presenti in torre di controllo che erano comparsi quegli strani puntini senza che nessuno riuscisse a dare una spiegazione. Anche un C130 in volo sulla zona confermò la presenza di quell’oggetto non identificato. Alle 22.45 sugli schermi della base di Grazzanise apparve un altro ufo.

Entrambi i casi rimangono avvolti nel mistero. L’ultimo avvistamento in provincia di Caserta è stato registrato a Cesa, alle 4.37 del 15 giugno del 2011. Un ventisettenne e sua madre sono stati svegliati all’improvviso dal rumore causato da un ufo «simile a quello di una lampadina che si sta per fulminare». Lo studente lo ha descritto come un oggetto «di forma per lo più sferica e grande come un pallone da gioco».

Ha testimoniato di averlo avvistato prima dal vetro di una finestra e poi dal balcone di casa. L’oggetto si trovava a due metri da lui e a dieci centimetri dal suolo. Prima era fermo e poi ha iniziato a ruotare su se stesso e a muoversi a zigzag. Infine è schizzato verso l’alto. La sfera era prima «più grande e gialla» e molto luminosa tanto da illuminare il giardino. Mentre ruotava è diventata «più piccola e più sottile» ma anche «più luminosa e di colore arancione». Il ragazzo l’ha descritta come «una scarica elettrica simile a un fulmine».

L’apparizione dell’ufo è durata due minuti. Dopodichè è svanito. Anche in questo caso nessuno è riuscito a dare una spiegazione logica e razionale a quanto accaduto. Quanto basta per alimentare il mistero. [fonte]

No tags for this post.

Avvistamenti Ufo negli archivi dall’Aeronautica. Un libro svela i misteri del cielo

Ogni qualche anno si registrano ondate di avvistamenti Ufo, e c’è chi li associa a particolari momenti storico-politici, come se le nostre paure avessero la necessità di esternarsi, a volte, in una minaccia celeste. Tra le poche certezze in un campo attraversato da scetticismo c’è un dossier dell’Aeronautica Militare che raccoglie gli avvistamenti italiani di Oggetti Volanti Non Identificati (OVNI) e che un libro ora svela: UFO – I dossier italiani di Lao Petrilli e Vincenzo Sinapi, Mursia Editore.[fonte]

No tags for this post.
Gli Alieni Tra Noi is Spam proof, with hiddy
Advertisment ad adsense adlogger