letto da: 196
0 0
Tempo lettura articolo:2 Minuti, 26 Secondi

Un interesse rimasto nascosto negli anni, quello di re Carlo per gli Ufo. Il monarca pare si tenga al corrente da decadi su ogni avvistamento: ne discute con gli esperti, e avrebbe persino partecipato di persona a progetti

A rivelare il tutto è The King Of UFOs, un documentario televisivo in arrivo nelle prossime settimane e in cui il regista Mark Christopher Lee racconta l’interesse della Royal Family per il fenomeno. Dal film emerge una rivelazione esplosiva: proprio lui, il nuovo sovrano d’Inghilterra, potrebbe svelare una volta per tutte l’esistenza degli oggetti volanti non identificati. 

Re Carlo ha un filo diretto con Joe Biden sugli Ufo

A re Carlo, sostiene Nick Pope, uno degli esperti intervistati nel documentario, basterebbe chiamare Joe Biden alla Casa Bianca per esortarlo a rendere pubbliche tutte le scoperte fatte finora negli Usa e gli innumerevoli progetti che sono attualmente in corso in segretissimi bunker americani. Incluso la presenza di quegli alieni che, secondo gli appassionati dell’argomento, sarebbero stati catturati su suolo americani e sottoposti a studi.

Re Carlo è una vera autorità nell’ufologia

Sarebbero milioni i documenti segreti che il governo statunitense si rifiuta di rendere pubblici. Materiale riservatissimo risalente anche a secoli fa e che, secondo appassionati ed esperti, contiene la chiave per svelare il mistero sulla presenza di alieni nell’universo. «A Sua Maestà basterebbe alzare la cornetta e chiedere a Biden cosa sta succedendo» sostiene Pope. «Carlo ha l’autorità necessaria a richiedere un briefing completo dal presidente Usa».

Il re vuole essere informato di ogni anomalia nei cieli britannici

Da anni, prima ancora di diventare re, Carlo chiede ai ministri inglesi di mandargli un rapporto ogniqualvolta vengano individuate attività insolite o addirittura inspiegabili, che potrebbero rivelarsi una minaccia al paese. In particolare, è il ministro della Difesa a tenerlo informato periodicamente anche sulle scoperte e sugli studi a livello internazionale.

I racconti del principe Filippo

Carlo ha ereditato la passione per gli Ufo dal padre Filippo e dallo zio e mentore, Lord Louis Mountbatten, che, quando era piccolo, gli raccontavano storie di alieni e oggetti non identificati. Il duca di Edinburgo era addirittura abbonato a diverse riviste del settore e aveva accumulato un’enorme collezioni di libri dedicati all’argomento, alcuni molto rari. Una collezione oggi conservata nel castello di Windsor.

La missione segreta di re Carlo 

Nel 1975, Carlo decise di mettere in pratica tutto ciò che aveva imparato negli anni partecipando addirittura a una missione top secret, in Nuova Scozia, Canada. Nel documentario, Dan Costello, uno degli altri partecipanti, rivela di aver lavorato proprio con lui al progetto, che si proponeva di inviare astronauti americani in un lontanissimo sistema stellare alla ricerca di razze aliene. In quell’occasione, Carlo, appena 27enne e già pilota di aerei, volle mettersi ai comandi di un velivolo sperimentale, pericolosissimo, creato a somiglianza di un Ufo.[Fonte]

Lascia un commento