Monthly Archives: Dicembre 2018

Fine d’anno di “incontri spaziali” tutti da ricordare

Due eventi spettacolari tra 31 dicembre e il primo gennaio: la sonda della Nasa Osiris-Rex si avvicinerà sino a 500 metri dall’asteroide Bennu; New Horizon raggiungerà Ultima Thule, la sua meta ai confini del Sistema Solare

No tags for this post.

Marte: un lago di ghiaccio nel cratere Korolev

Nelle immagini in 3D della sonda Mars Express, diffuse dall’Agenzia spaziale europea, l’immenso “deposito” di ghiaccio perenne sul pianeta rosso


LA DISTESA gelata appare come un’enorme pista sul ghiaccio in mezzo al deserto. E’ l’immagine diffusa dall’Agenzia spaziale europea (Esa) catturata dal Mars Express in orbita attorno al cratere Korolev di Marte. In realtà si tratta di un mosaico di cinque foto scattate dalla fotocamera ad alta risoluzione (High Resolution Stereo Camera, HRSC) da differenti prospettive e raccolte in 15 anni di sorvolo, che vanno a comporre un ritratto tridimensionale del ghiacciaio permanente

No tags for this post.

Cosa sono quegli oggetti volanti individuati su Marte?

Marte è davvero  quell’inospitale pianeta radioattivo privo di ogni forma di vita così come sostenuto dalla NASA? Secondo l’agenzia spaziale americana convertitasi nell’autorità mondiale di carattere storico-archeologico-scientifico, sul pianeta Marte non ci sarebbe altro che della semplice roccia dalle più bizzarre forme e polvere radioattiva.Secondo la NASA, sul pianeta più simile alla Terra, non ci sarebbe acqua allo stato liquido, vegetazione, microrganismi alieni né tanto meno resti riconducibili ad antiche civiltà. 

Una “sorgente” d’acqua nello spazio. Trovata dalla Nasa sull’asteroide Bennu

La sonda Osiris-Rex si è avvicinata al corpo celeste grande come un grattacielo e ha trovato molecole antichissime di idrogeno e ossigeno. Ora la attende la missione più difficile: raccogliere un campione di roccia e riportarlo sulla Terra per svelare l’origine della vita

La Cina verso il ‘lato oscuro della Luna’: partita la missione Chang’e 4

Decollata alle 19 e 23 italiane, arriverà tra 27 giorni nel cratere Von Karman. Un lander e un rover esploreranno la superficie, analizzeranno la composizione del suolo. Porteranno anche una mini biosfera con semi di patata, una pianta da fiore e uova del baco da seta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È PARTITA alla volta del “lato oscuro della Luna” la missione cinese Chang’e 4. Sarà la prima a posarsi sulla parte del nostro satellite naturale invisibile alla Terra, stabilendo così un primato, arrivando dove né americani né sovietici o europei si sono mai avventurati in oltre 50 anni di esplorazione spaziale. A quasi 50 anni dal primo viaggio dell’uomo oltre l’orbita terrestre, quello dell’Apollo 8, che fece un giro attorno alla Luna nel dicembre del 1968.

No tags for this post.
Gli Alieni Tra Noi is Spam proof, with hiddy