Scoperte Altre Due Terre Molto Vicine al Nostro Sole, Una Abitabile.

 

Un team internazionale di astronomi ha scoperto due nuovi pianeti che orbitano attorno ad una stella molto vecchia,  vicino al nostro Sole. Uno di questi pianeti orbita intorno alla stella alla giusta distanza per permettere all’acqua liquida di esistere sulla sua superficie, un ingrediente chiave per sostenere la vita.
 
Il loro lavoro è pubblicato nelle Notices mensili della Royal Astronomical Society.
La stella Kapteyn, dal nome dell’astronomo olandese Jacobus Kapteyn, che la scoprì alla fine del XIX secolo, è la seconda stella in più rapido movimento nel cielo e appartiene ad un gruppo di stelle che orbitano nella nostra Galassia in orbite molto ellittiche. Con un terzo della massa del Sole, questa nana rossa può essere osservata con un telescopio amatoriale nella costellazione meridionale del Pittore.
Gli astronomi, tra cui alcuni della Carnegie, come Pamela Arriagada, Paul Butler, Steve Shectman, Jeff Crane e Ian Thompson, hanno utilizzato i nuovi dati dallo spettrometro HARPS presente al La Silla Observatory dell’Osservatorio europeo meridionale, il Planet Finding Spectrometer presso l’Osservatorio Magellan / Las Campanas in Cile, e lo spettrometro HIRES al Keck Observatory alle Hawaii, per misurare i piccoli cambiamenti periodici nel moto della stella. 
 
L’effetto Doppler ha permesso agli scienziati di dedurre alcune proprietà di questi pianeti, comprese le loro masse e periodi orbitali..
I dati precedenti hanno mostrato alcuni moti  irregolari, inducendoci a cercare eventuali pianeti con un brevissimo periodo, da detto il Dott. Guillem Anglada-Escude, presso la Queen Mary University of London.
Il pianeta chiamato Kapteyn b potrebbe supportare l’acqua. E’ almeno cinque volte la massa di quella della Terra e orbita attorno alla sua stella ogni 48 giorni. 
Il secondo pianeta, Kapteyn c è una massiccia super-Terra. Il suo anno dura 121 giorni e gli astronomi pensano che sia troppo freddo per sostenere l’acqua liquida. Al momento, solo alcune proprietà dei pianeti sono note: le masse approssimativamente, i periodi orbitali e le distanze dalla loro stella ospite. Misurando le loro atmosfere con strumenti che sono attualmente in fase di sviluppo, gli astronomi potranno verificare la presenza o la mancanza di acqua.
Trovare un sistema planetario stabile con un pianeta potenzialmente abitabile in orbita in una delle stelle molto più vicine nel cielo è strabiliante. Questo è un altro elemento di prova che quasi tutte le stelle hanno pianeti, e che i pianeti potenzialmente abitabili nella nostra galassia sono così comuni come i granelli di sabbia su una spiaggia“, ha detto Pamela Arriagada, il secondo autore e ricercatore post-dottorato alla Carnegie.
 
 
I sistemi planetari individuati dal telescopio spaziale Keplero sono di solito posti a centinaia di anni luce di distanza. Kapteyn al contrario è la venticinquesima stella più vicina al Sole (a soli 13 anni luce di distanza).
Si ritiene che  Kapteyn possa esser nata in una galassia nana inglobata miliardi di anni fa dalla nostra Via Lattea. Questa cannibalizzazione galattica ha fornito alla stella su un nuovo percorso, rendendola parte della Via Lattea.
Il nucleo residuo probabile della galassia nana originale è Omega Centauri, un gruppo enigmatico di stelle a 16.000 anni luce dalla Terra che contiene centinaia di migliaia di stelle vecchie, a lungo ritenute pensato un ammasso globulare. Ciò fa ritenere agli scienziati che Kapteyn e dei suoi pianeti possano avere un’età di ben 11,5 miliardi anni, cioè solo 2.000 milioni anni più giovane dell’Universo stesso (che avrebbe secondo le attuali stime 13.700 milioni anni di età).
La vita potrebbe essere quindi sorta in un’età a noi inimmaginabile e anche nell’Universo primordiale.

No tags for this post.
Gli Alieni Tra Noi is Spam proof, with hiddy