Monthly Archives: dicembre 2017

Ufo, spunta il piano (segreto) del Pentagono: “Sì, è vero”. L’ammissione mai sentita prima: cosa sanno già

 

Altro che campi di battaglia o arsenale nucleare: il Pentagono ha lavorato per anni anche a un misterioso programma per studiare gli avvistamenti degli UFO fino a spendere 22 milioni di dollari all’anno dal 2008 al 2011.

L’Advanced Aviation Threat Identification Program, il cosiddetto Programma di Identificazione di Minacce Aerospaziali Avanzate era guidato da un ufficiale di inteligence, Luis Elizondo, che si è dimesso il 4 ottobre per mancanza di appoggio.

No tags for this post.

Potremmo non essere soli, prove schiaccianti!

Washington, 20 dic. (AdnKronos) – Gli oggetti volanti non identificati osservati attraverso il programma del Pentagono per lo studio degli Ufo hanno fornito “prove schiaccianti” del fatto che nell’universo “potremmo non essere soli”. Lo afferma Luiz Elizondo, ex direttore del programma, intervistato dalla Cnn. “Abbiamo trovato molte cose”, dice Elizondo, dopo che nei giorni scorsi i media Usa hanno svelato l’esistenza, fino al 2012, del programma segreto del Pentagono.

No tags for this post.

Finalmente disponibili le immagine dell’UFO avvistato durante la missione Gemini IV

UNA FOTO SCATTATA DURANTE LA MISSIONE GEMINI IV CON L’OGGETTO MISTERIOSO

Gli astronauti e gli Ufo. Ne abbiamo parlato nell’ultimo articolo pubblicato sul blog, citando un lungo elenco di incontri ravvicinati con strani oggetti e di fenomeni inspiegabili che hanno avuto come testimoni proprio i protagonisti dell’esplorazione spaziale. Tra loro, anche James McDivitt, comandante della quarta missione Gemini lanciata dalla NASA il 3 giugno 1965- che vide e fotografò qualcosa di anomalo. Solo ora, però, a distanza di oltre 50 anni, quelle immagini sono pubbliche, anche se  destano qualche perplessità.

No tags for this post.

I telescopi di tutto il mondo puntano all’intruso del sistema solare. Asteroide o “nave aliena”?

Alcune delle menti più brillanti del mondo si stanno ponendo il quesito, che ha quindi una risposta non del tutto scontata

C’E’ un oggetto misterioso entrato nel nostro sistema solare a sollevare ipotesi assai suggestive fra gli astronomi. Gli esperti di tutto il mondo hanno deciso di puntare i loro telescopi – e in particolare il gigantestesco Green Bank in West Virginia – proprio verso questo “grande sigaro” spaziale lungo 400 metri e largo 40. Lo scopo è capire se si tratti semplicemente di un asteroide dalla forma decisamente insolita – ipotesi decisamente più vicina alla realtà – o abbia un’origine intelligente, ovvero se possa essere addirittura un mezzo alieno. Il corpo celeste, soprannominato ‘Oumuamua, è arrivato dallo spazio interstellare.

No tags for this post.

Voyager 1 riaccende i motori dopo 37 anni

Ai confini del Sistema solare (un po’ più in là) la sonda lanciata nel 1977 potrà riallineare l’antenna con la Terra con impulsi dei razzi direzionali della durata di millisecondi. Riattivato un software obsoleto

Se si lascia un’auto 37 anni in garage a 200 gradi sottozero, pretendere che parta al primo colpo sarebbe considerato impossibile. Ma per Voyager 1 (quasi) nulla è impossibile. Martedì scorso, ma si è saputo solo sabato, la Nasa ha inviato un comando per accendere per alcuni millesimi di secondo i razzi direzionali della sonda lanciata 40 anni fa, precisamente il 5 settembre 1977. E Voyager 1, che si trova a 21 miliardi di chilometri dalla Terra, appena oltre quello che è considerato il confine del Sistema solare, ha risposto: ha eseguito il comando senza problemi e inviato l’ok al centro di controllo a Pasadena, in California, ricevuto 19 ore e 35 minuti dopo.

No tags for this post.
Gli Alieni Tra Noi is Spam proof, with hiddy