letto da: 400
0 0
Tempo lettura articolo:4 Minuti, 2 Secondi

Gli alieni potrebbero arrivare sul nostro pianeta già entro la fine dell’anno secondo un sensitivo che ha anche predetto correttamente molti altri eventi mondiali

La storia è piena di profeti, sensitivi e indovini che hanno escogitato ogni tipo di predizione sul futuro.

Una profezia persistente che esiste da centinaia di anni è quella di un’invasione aliena del nostro pianeta. Ci sono ovviamente centinaia di persone che hanno fatto tali previsioni, alcune anche fornendo date specifiche su quando accadrà.

Sebbene molte di queste previsioni siano fallite, le credenziali di alcuni degli individui che hanno fatto queste previsioni hanno dato credito all’idea che un’invasione aliena potrebbe essere imminente. Ecco quattro individui le cui previsioni dovrebbero essere prese sul serio.

1. Baba Vanga

Baba Vanga era una mistica cieca ed erborista bulgara che trascorse la maggior parte della sua vita tra il 1911 e il 1996 facendo previsioni allarmanti sul futuro.

Prima della sua morte, Baba Vanga ha profetizzato che alla fine del 2022, gli alieni invaderanno la Terra inviando un asteroide per cercare la vita sul nostro pianeta, e il risultato non sarà buono per gli umani. Sottolineando che gli alieni non arriveranno in pace, Baba Vanga ha detto: “Le navi aliene attaccheranno la Terra e bombarderanno le città e prenderanno le persone prigioniere”.

Mentre Baba Vanga aveva predetto correttamente altri eventi mondiali in passato, inclusi gli attacchi dell’11 settembre, lo tsunami del 2004 e l’elezione di Barack Obama, ha anche sbagliato alcune previsioni, come la previsione che Donald Trump avrebbe contratto una malattia misteriosa nel 2020.

2. Uri Geller

Anche l’illusionista, mago e sensitivo israelo-britannico Uri Geller è fermamente convinto che gli alieni stiano per invadere il nostro pianeta. Il 75enne piegacucchiaio ha recentemente annunciato su Instagram: “Un team di mappatura delle onde radio nell’universo ha scoperto qualcosa di insolito che rilascia una gigantesca esplosione di energia tre volte all’ora ed è diverso da qualsiasi cosa gli astronomi abbiano mai visto prima.

“Senza dubbio nella mia mente questo è collegato a un’intelligenza aliena molto superiore alla nostra. Inizia a decifrare i loro messaggi! Ci stanno preparando per un atterraggio di massa presto!”

Geller in precedenza aveva predetto che presto gli alieni avrebbero preso contatto con gli umani, dicendo: “Probabilmente atterreranno sul prato della Casa Bianca o da qualche parte. Tutti i nostri film di fantascienza sugli incontri con gli alieni diventeranno realtà. Non credo che stiamo parlando di migliaia o addirittura centinaia di anni. Se dovessi indovinare, un’ipotesi razionale e logica, direi che tra 60 e 75 anni accadrà.”

3. Nick Pope

Nick Pope è un giornalista freelance britannico che una volta ha servito il Ministero della Difesa del Regno Unito come investigatore UFO . Parlando all’inizio di quest’anno a Indisnguishable From Magic di Blaze TV, l’esperto di UFO ha avvertito: “Se troviamo degli alieni, o loro ci trovano, il mondo cambierà per sempre”.

Ricordando due eventi a cui ha partecipato alla Royal Society di Londra dove sono state discusse le più grandi questioni relative alla vita extraterrestre, Pope ha detto: “Se troviamo vita extraterrestre, ed è qualcosa di più che raccogliere un segnale o trovare microbi alieni, saranno amichevoli come l’adorabile alieno in ET, o saranno qualcosa come gli alieni nel Giorno dell’Indipendenza, venendo qui per sterminare noi? Le opinioni alla Royal Society erano divise.

Citando un altro professore, Pope ha continuato ad avvertire “se il telefono cosmico squilla… non rispondere”, aggiungendo che teme che sia già “troppo tardi” poiché gli esseri umani sono stati una “civiltà rilevabile per decenni poiché i nostri segnali televisivi e radiofonici sono trapelati in spazio – qualsiasi civiltà in grado di minacciarci è già consapevole di noi”.

4. Stephen Hawking

Il defunto fisico teorico e cosmologo inglese Stephen Hawking ha avuto alcune cose piuttosto preoccupanti da dire sugli alieni prima di morire nel 2018.

Lo scienziato ha detto a Discovery Channel in un documentario andato in onda nel 2010 che entrare in contatto con gli alieni potrebbe non portare a un risultato positivo per gli esseri umani. Ha detto: “Questi alieni avanzati forse diventerebbero nomadi, cercando di conquistare e colonizzare qualunque pianeta potessero raggiungere. Chissà quali sarebbero i limiti?”

In un altro documentario di Discovery Channel nel 2016, ha anche detto: “Se gli alieni ci visitano, il risultato sarebbe molto simile a quando Colombo sbarcò in America, cosa che non andò bene per i nativi americani”.[Fonte]

Lascia un commento