NASA – relazione su antichi austronauti

La NASA ha pubblicato una relazione riguardante antichi dipinti in epoca romana, la relazione dal titolo ” Oggetti volanti non identificati nell’antichità classica “, è stato redatto da Richard B. Stothers.Resized

Stothers , che si era laureato a Harvard , ha avuto quattro articoli pubblicati sulla rivista Astrophysical Journal , ed è stato anche un membro del Goddard Institute for Space Studies della NASA fino alla sua morte nel 2011.

Ecco un estratto della relazione :

Un approccio storico e scientifico combinato viene applicata agli antichi rapporti di quello che potrebbe oggi essere definito oggetti volanti non identificati ( UFO ) Molti fenomeni spiegabili convenzionalmente possono essere eliminati , lasciando un piccolo residuo di rapporti sconcertanti .
Questi rientrano perfettamente nelle stesse categorie come riporta moderno UFO, suggerendo che il fenomeno UFO , qualunque essa sia a causa, non è cambiato molto nel corso di due millenni .
Nel corso della storia , sono stati fatti e conservati segnalazioni di quella che oggi potremmo chiamare oggetti volanti non identificati .

 Rimane comunque un piccolo residuo di fatti sconcertanti , e indipendentemente da quale interpretazione si mette su di loro , queste costituiscono un fenomeno che attraversa secoli di tempo e di culture molto diverse .

Ciò che può sorprendere il serio studioso della materia è che, nonostante i numerosi articoli e libri pubblicati da scienziati UFO nel corso degli ultimi sei decenni , non sono mai apparsi studi accademici nel corso della storia che possa spiegare il fenomeno.

 
Quel poco che è stato fatto è stato avviato nel 1953 da interpretazione naturalistica del l’astronomo Donald Menzel delle relazioni in Plinio Storia Naturale del Vecchio.

Lo studio di Menzel , tuttavia , si è rivelata superficiale , e ha avuto la spiacevole conseguenza di indurre gli appassionati di UFO a compilare lunghi elenchi acritici di tutti i tipi di fenomeni osservati nell antichità

La loro metodologia è stata aspramente criticata nel Rapporto Condon 1968 da Samuel Rosenberg , che non ha, tuttavia , tentato un nuovo inizio per rintracciare e analizzare le fonti primarie stesse .

 
Richard Wittmann , ignorando questi autori , prodotte nel 1968 uno studio, ma anche più ristretto di antichi  “scudi volanti “.

Il soggetto ha languito dal 1971 e il 1975 , quando Peter Bicknell pubblicò due articoli “prudenti” in cui gli UFO sono stati trattati solo incidentalmente .

 
L’atteggiamento più liberale avrebbe permesso che , ad un antico osservatore , molti fenomeni aerei erano misteriosi e, quindi, in una certa misura non identificato , nonostante la capacità dell’osservatore di descriverli in termini soggettivi familiari e nonostante antichi tentativi di teorizzare sulla loro natura .

 
Oggi possiamo filtrare i casi più evidenti di fenomeni convenzionali , nonostante la terminologia arcaico usato per descriverle.

L’approccio adottato qui sarà per la ricerca di fenomeni aerei nei rapporti antichi più affidabili che sembrano UFO moderni , ma senza trascurare altre manifestazioni della ” stranezza “.

La mia ipotesi di lavoro sarà che la maggior parte di tali rapporti possono essere spiegate dalle idee scientifiche convenzionali e che , fra tutte le relazioni , solo quelli che sfidano l’interpretazione ragionevole dopo un’analisi completa.

Leggi il report completo qui (in ingla inglese e in formato pdf)

No tags for this post.
Gli Alieni Tra Noi is Spam proof, with hiddy