Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

Inoltre ti confermiamo che questo è un sito sicuro, privo di malware o di software indesiderato...

Canale Youtube

Video Dossier
GTranslate
itenfrdeptrues

Qui sotto trovate il banner da inserire nel vostro sito per poter fare uno scambio pubblicitario alla pari.

Potete ridimensionare a piacimento e deve puntare a http://www.glialienitranoi.it.

Per info e inviarci il Vostro banner

contatti
Top Secret
Web- Tv
Segnala avvistamento
Corrado Malanga
Davide Capelli
Archivio File U.F.O

Generazione Marte: i dodici uomini e donne che sognano il viaggio più lungo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Categoria principale: ROOT Categoria: Nasa
Creato: 14 Giugno 2017 Data pubblicazione
Scritto da Bruno Stazi Visite: 104

Piloti, ingegneri, scienziati e militari Ecco gli aspiranti astronauti scelti dalla Nasa fra oltre 18mila candidati. Insieme formano già una squadra pronta ad affrontare qualsiasi situazione di pericolo

I candidati per il viaggio su Marte

Immaginiamo un equipaggio pronto a partire per Marte. A bordo della capsula Orion della Nasa ci sono Jonny, ex Navy Seal specializzato in medicina d’emergenza, Jasmin, ex marine, Francisco, chirurgo pilota di elicotteri da combattimento, Jessica una geologa esperta del pianeta rosso e Zena una biologa esperta in microrganismi in ambienti estremi. Sembra un team, multietnico, di supereroi. Invece sono persone in carne e ossa e forse tra loro c’è già l’uomo, o la donna, che lascerà la prima impronta sul suolo polveroso di Marte.


La Nasa ha presentato al mondo la nuova classe di candidati a volare nello spazio. Sono 12, hanno tra i 29 e i 42 anni, un gruppo di piloti, ingegneri, scienziati: e tutti quanti sono almeno due di queste cose insieme. La selezione è stata severissima, i candidati erano più di 18.300 e solo loro, alla fine, ce l’hanno fatta.

Viso sorridente, tutti vestiti con la tuta blu d’ordinanza decorata con gli stemmi della Nasa. Sorrisi hollywoodiani, salute perfetta ma, soprattutto, altissime professionalità, dalla scienza all’azione sul campo.
Non sono ancora astronauti a tutti gli effetti, da agosto li attende un periodo di due anni di addestramento prima di essere affiancati a ‘veterani’ esperti e assegnati alle missioni effettive. Insomma, dovrà passare ancora un po’ di tempo prima di prenotare un sedile su una Soyuz o, nei piani della Nasa, su una capsula Orion diretta alla Stazione spaziale prima e poi, chissà, oltre l’orbita della Luna. Cinque di loro sono donne. Ci sono piloti militari che sono anche ingegneri, matematici, biologi e geologi. Anche se ognuno percorrerà la propria carriera, a guardarli ora sembrano una task force completa, ognuno con le proprie specifiche conoscenze e capacità, pronta a salpare per lo spazio profondo diretti al pianeta rosso.

Tra loro ci sono soldati abituati a lavorare in condizioni di emergenza e pericolo, come Jonny Kim, 33 anni, che è stato chiamato dalla Nasa dopo aver servito e partecipato a oltre 100 missioni nei Navy Seal e aver conseguito una laurea in matematica. Kayla Barron, 29 anni, ingegnere nucleare, è stata tra le prime donne con il grado di ufficiale nei sottomarini di guerra mentre Warren “Woody” Hoburg, 31 anni, ingegnere del Mit, è anche pilota e ha grande esperienza in operazioni di ricerca e salvataggio. La marine Jasmin Moghbeli, 33 anni, è una collaudatrice di elicotteri con un master in ingegneria aerospaziale.

Jonny Kim è anche medico d’emergenza al Massachusetts General Hospital di Boston, come Francisco “Frank” Rubio, 41 anni, chirurgo con alle spalle 600 ore di elicottero in combattimento. Insieme formerebbero una squadra pronta ad affrontare qualsiasi situazione di pericolo. Con loro c’è chi invece è pronto a studiare l’ambiente ostile che troveranno nello spazio e oltre, magari sulla superficie del pianeta rosso.

Zena Cardman, 29 anni da Williamsburg, Virginia, è laureata in Biologia e Scienze marine all’Università della North Carolina. Alla Pennsylvania State University ha lavorato come ricercatrice sulla resistenza dei microrganismi in ambienti estremi, anche in Antartide. La persona giusta per scoprire se su Marte c’è stata vita e, magari, se c’è ancora. Anche la geologa Jessica Watkins, 29 anni, forse non vede l’ora di sfiorare coi guanti della tuta le ruvide rocce marziane che studia da quattro anni al California Institute of Technology di Pasadena, dove sta collaborando con il progetto Curiosity, il rover della Nasa che esplora Marte dal 2012.

Assieme a loro ci sono altri piloti, ingegneri elettrici e aerospaziali. A pensarci bene, a questo “dream team” spaziale manca solo una figura. Quella dell’agronomo che sappia, come Mark Watney del film The Martian, impersonato da Matt Damon, far crescere patate ovunque, anche sul suolo marziano.[fonte]

 

Comments:

Articoli più Letti
Menu Principale
I Migliori libri di UFOLOGIA!
Cerca nel portale
Login
News dallo Spazio
Latest News
Sostieni la ricerca Sostieni Gli Alieni Tra noi - con una donazione su PayPal

Donazione

Joomla Paypal Donations Module