Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

Inoltre ti confermiamo che questo è un sito sicuro, privo di malware o di software indesiderato...

Canale Youtube

Video Dossier
GTranslate
itenfrdeptrues

Qui sotto trovate il banner da inserire nel vostro sito per poter fare uno scambio pubblicitario alla pari.

Potete ridimensionare a piacimento e deve puntare a http://www.glialienitranoi.it.

Per info e inviarci il Vostro banner

contatti
Top Secret
Web- Tv
Segnala avvistamento
Corrado Malanga
Archivio File U.F.O

L`UFO della "Almirante Saldanha" del 1958

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Categoria: approfondimenti
Data pubblicazione Visite: 9675

Era il 16 gennaio del 1958: la nave scuola dell’Istituto Idrografico della Marina Militare Brasiliana, l’Almirante Saldanha, comandata dal capitano Carlos Alberto Bacellar e con a bordo, come tecnico civile, il fotografo Almiro Barauna (specializzato in riprese subacquee), stava lasciando le acque antistanti l’isola di Trintade, nell’Atlantico, a circa 900 chilometri a est di Rio de Janeiro, dove aveva compiuto rilevazioni in occasione dell’Anno Geofisico Internazionale. Dopo mezzogiorno, alcuni civili che si torvavano sul ponte si misero a gridare indicando nel cielo un oggetto fortemente luminoso, la cui forma ricordava quella del pianeta Saturno, che si dirigeva verso l’isola.

L’UFO, che avanzava con movimento oscillante, scomparve per breve tempo dietro il Monte Deseado, quindi riapparve per poi volare via definitivamente. Durante l’avvistamento, durato circa 20 secondi, Barauna riuscì a scattare con la sua Rolleiflex sei foto, di cui però la quarta e la quinta non ripresero interamente l’oggetto. Dei 48 membri dell’equipaggio che sostavano sul ponte, molti osservarono l’UFO e, intervistati dai giornalisti, testimoniarono l’accaduto. Invece il capitano Bacellar, in coperta durante l’avvistamento, si era recato immediatamente sul ponte, ma era giunto troppo tardi per poterlo vedere. A questo punto, ma lo si seppe in un secondo tempo, il capitano insistette perchè le immagini di Barauna venissero sviluppate immediatamente.

Fece quindi improvvisare una camera oscura, prendendo ogni precauzione affinchè il fotografo non potesse manomettere la pellicola, e assistette egli stesso, assieme ad altri ufficiali, allo sviluppo dei negativi. Le stampe invece, mancando la carta fotografica, furono realizzate soltanto dopo l’arrivo a Rio de Janeiro. Successivamente Barauna fu invitato a presentarsi al Ministero, dove venne interrogato a lungo da alcuni alti ufficiali. Il ragazzo, infatti, era ben noto per i suoi falsi fotografici, in particolare di tesori sul fondo del mare, e per aver scritto un articolo umoristico sulla realizzazione di trucci fotografici intitolato proprio “Un disco volante mi ha seguito fino a casa”.

L’inchiesta, che seguì dopo il suo lungo interrogatorio (durato almeno quattro ore), escluse però ogni possibilità di falso: i negativi furono esaminati dagli esperti militari e dalle immagini si dedusse che l’oggetto doveva avere un diametro di 30 metri ed una altezza di sette. Durante una successiva conferenza stampa, Barauna dichiarò di aver proiettato i negativi su uno apparsi sulla stampa, secondo i quali la Marina sarebbe contraria alla divulgazione dei fatti concernenti l’avvistamento di uno strano oggetto volante sull’isola di Trindade, questo Gabinetto dichiara che tale informazione è completamente infondata. Questo Ministero non ha alcun motivo di ostacolare la pubblicazione delle fotografie scattate dal signor Almiro Barauna, che si trovava all’isola di Trintade dietro invito della Marina, in presenza di numerosi membri dell’equipaggio della Almirante Saldanha, dal cui ponte l’oggetto è stato fotografato.

 

Naturalmente, questo Ministero non è in grado di fare alcuna dichiarazione circa la natura dell’oggetto, poichè le fotografie non provano nulla a riguardo“. Il 17 aprile, i tre maggiori quotidiani di Rio pubblicarono integralmente il rapporto segreto della Marina Militare alla Camera, dove si ammetteva che oggetti simili a quello fotografato da Barauna erano stati avvistati più volte e che uno era stato addirittura fotografato da un sottoufficiale vicino alla costa di Espirito Santo, un mese prima dell’avvistamento della Saldanha. Inoltre, la stampa sottolineò che lo stesso presidente del Brasile, Juscelino Kubitschek, aveva consegnato ai giornalisti l’intera sequenza delle foto del “caso Barauna” fatte a Trindade. Implicitamente si riconosceva per la prima volta, da parte di un governo, l’esistenza di oggetti volanti non identificati.Il giornalismo, il cosiddetto “quarto potere”, questa volta aveva avuto la meglio costringendo l’autorità militare e quella politica a delle ammissioni. Non solo.

Negli archivi del Blue Book è anche presente un dispaccio della United Press, datato 25 febbraio 1958 e proveniente da Rio de Janeiro, in cui si affermava che il Ministero della Marina aveva confermato l’autenticità delle fotografie: “il Ministero della Marina Brasiliana ha dichiarato oggi che le fotografie di un disco volante scattate recentemente dalla nave Almirante Saldanha sono autentiche. Dopo un incontro con il presidente Kubitscheck nel palazzo estivo di Petropolis, il Ministero della Marina ha affermato di non avere dubbi sull’autenticità delle immagini. ‘La Marina ha un grande segreto che non può divulgare perchè non è in grado di spiegarlo’ ha detto il Ministro“.[fonte]

 

Comments:

Articoli più Letti
Menu Principale
I Migliori libri di UFOLOGIA!
Cerca nel portale
Login
News dallo Spazio
Latest News
Sostieni la ricerca Sostieni Gli Alieni Tra noi - con una donazione su PayPal

Donazione

Joomla Paypal Donations Module