Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

Inoltre ti confermiamo che questo è un sito sicuro, privo di malware o di software indesiderato...

Canale Youtube

Video Dossier
GTranslate
itenfrdeptrues

Qui sotto trovate il banner da inserire nel vostro sito per poter fare uno scambio pubblicitario alla pari.

Potete ridimensionare a piacimento e deve puntare a http://www.glialienitranoi.it.

Per info e inviarci il Vostro banner

contatti
Top Secret
Web- Tv
Segnala avvistamento
Corrado Malanga
Archivio File U.F.O

J.Craig Venter: “I marziani? Ve li spedisco via fax”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Categoria: approfondimenti
Data pubblicazione Visite: 10054

Vi parlo di un’interessante iniziativa raccontata dal Los Angeles Times e ripresa dalla testata francese Courrier International. Nel deserto del Mojave, a una ventina di chilometri a Sud della città californiana di Baker, J.Craig Venter, 67 anni, famoso biologo molecolare ma anche uomo d’affari, si sta concentrando su un progetto che a suo dire rivoluzionerà i criteri della ricerca della vita extraterrestre. L’apparecchio che sta mettendo a punto servirà, in prima battuta, a scoprire tracce di Dna nel suolo e nelle superfici liquide di altri pianeti. “E se questo si verificasse – dice Venter – saremmo di fronte alla prova inequivocabile che non siamo soli nell’universo”. Ma non è finita. A quel punto, infatti, si potrebbero aprire scenari vasti e interessanti: quelle informazioni, tanto per dire, potrebbero essere teletrasmesse sulla Terra e girate a gruppi di scienziati in grado di riprodurre copie di quelle forme di vita in laboratori di massima sicurezza. “Per certi aspetti, è come se ‘facessimo dei fax’ degli extratterrestri e li impiantassimo qui da noi in strutture adeguate”. Il procedimento potrebbe anche funzionare al contrario, grazie a un “superbatterio” (resistente ai raggi cosmici e alle temperature estreme) che diventerebbe il traghettatore della vita: “Potremmo ad esempio rendere abitabile Marte”, conclude lo staff del biologo. L’idea può apparire molto fantasiosa, ma in realtà ha già attirato l’attenzione del centro ricerche Ames della Nasa, nella Silicon Valley. La possibilità di costruire un apparecchio che si posi su Marte o su uno dei satelliti di Saturno e che sia in grado di analizzare dei campioni senza tornare sulla Terra, equivarebbe a risparmiare una caterva di soldi. E annullerebbe il rischio di trasportare sul nostro pianeta potenziali agenti patogeni. “La prossima missione su Marte - dice Simon Pete Worden, direttore dell’Ames –  è prevista per il 2020: potrebbe benissimo essere dotata di questa tecnologia”. In effetti, sembra davvero un uovo di Colombo.

(Qui di seguito trovate il link dell’articolo del Courrier International: marziani (cliccare una prima volta, poi ricliccare sempre su “marziani”, che si aprirà in altra finestra. Credit per la foto: www.salon.com) [fonte]

Comments:

Articoli più Letti
Menu Principale
I Migliori libri di UFOLOGIA!
Cerca nel portale
Login
News dallo Spazio
Latest News
Sostieni la ricerca Sostieni Gli Alieni Tra noi - con una donazione su PayPal

Donazione

Joomla Paypal Donations Module